Scheda elettorale Europee 2009

Girando un pò in rete ho trovato un pò di divertenti (…e anche un pò deprimenti a pensarci bene) “proposte” per le schede elettorali per le europee 2009.

Ve le ripropongo qui di seguito:

fake_schedaelettoraleeuropee_fascio

[fonte]

oppure:

fake_schedaelettoraleeuropee[fonte]

segnalatemene qualche altro che lo aggiungo alla lista 😀

Annunci

Berlusconi ASSOLTO al processo Mills…

ed io che credevo che si fosse svolto soltanto il processo a Mills…
…meno male che c’è studio aperto:

stupidaggini a parte… questo giornalista andrebbe RADIATO DALL’ALBO, nonchè SPUTATO A VISTA appena lo si incontra per strada… ma che professionista sei?
Voglio anche essere garantista e non dichiarare la colpevolezza di berlusconi, visto che il processo a lui non si è svolto (anche se la colpevolezza di Mills che dice di essere stato pagato da berlusconi per mentire ad un processo a lui imputato ed il Lodo Alfano, approvato di fretta prima della conclusione del processo sono buoni indizi), MA COME CAVOLO FAI A DICHIARARE BAGGIANATE SIMILI????

Se ci fosse un berlusconiano convinto, per favore, mi faccia capire se per lui questo è un comportamento corretto da parte di un giornalista, visto che si tacciano i vari “Anno Zero” di essere FAZIOSI e IMMORALI.  E’ un FATTO INDISCUTIBILE che berlusconi non sia stato ancora processato, MA COME PUO’ ESSERE STATO ASSOLTO???

Iva iva… aveva ragione Benigni…

Hai perso del tutto il tuo smalto, la tua personalità…

Sapevo che tu fossi belusconiana, ma non così ingorante da rinunciare a qualsiasi senso critico… nel video dici: “Se LUI dice che una cosa è in questo modo, allora io ci credo…”. Non cerchi neanche di ragionare se quello che dice è la verità o ci sono evidenti “conflitti di interesse” con quello che sta per dire? certo, uno è chiaro che tenta di difendersi anche quando ha torto, ma questo giustifica la SUA MENZOGNA al massimo, l’ignoranza di chi non mette nulla in dubbio e crede CIECAMENTE alla “VERITA'”  che gli viene confezionata, NON HA SCUSANTI!!!!

Nel video dici anche diverse bugie palesi, dici che:

  1. berlusconi non ce l’ha con la magistratura, mentre invece lui va dicendo che tutta la magistratura è politicizzata e che ce l’ha con lui (poverino). Anche perchè se così non fosse, il problema verrebbe meno, dato che ci sono diversi gradi di giudizio e sicuramente non si viene giudicati solo da un giudice, ma da almeno tre.
  2. che il tuo padroncino è sempre stato assolto, altra bugia, visto che diversi reati sono stati ACCERTATI ma PRESCRITTI a causa dell’abbreviazione dei termini di prescrizione attutata DA BERLUSCONI STESSO, ed altri sono stati DEPENALIZZATI sempre da governi BERLUSCONI (per chiarezza, è come se commettessi un omicidio e poi andassi in parlamento a fare una legge che dichiara l’omicidio LEGALE…)
  3. Dici che gli attacchi fatti a ilvio si ripercuotono sugli avversari. Falso, è la travisazione fatta tramite i SUOI MEDIA che lo fa sembrare oggetto di persecuzione. E questo gli giova, ma non si può evitare di riportare i FATTI solo perchè un’esercito di scimmie (di cui tu ti fai portabandiera) gli crede CIECAMENTE..

…in condizioni normali ti avrei detto: “Meglio tacere e sembrare stupidi che parlare e darne la prova”, ma preferisco conservare l’immagine di mamma di famiglia che avevi quando facevi “Ok, il prezzo è giusto” e rimuovere il ricordo di questa penosa apparizione televisiva…

Il grande tema

Castelli (Lega Nord) in tv, ADESSO (mezz’ora fa)…
lo ascolto distratto, mi annoia un pò come personaggio; un pò perchè non lo stimo affatto come persona (da quello che traspare dalle apparizioni pubbliche), un pò perchè ha una visione della politica molto utilitaristica ( a volte penso che passi le notti a contare con Excel i voti che prenderà alle prossime elezioni, dovessero mancare ancora 5 anni).

castellifonte immagine

Ad un tratto: IL TEMA!!!!
se ne esce con questa frase che ha dello sconvolgente: “Il GRANDE TEMA della faccenda Mills è “ma la magistratura, è POLITICIZZATA?”

…CHE COSA?!?!?
il GRANDE TEMA sarebbe se il magistrato è politicizzato? per quello di solito ci sono gli altri gradi di giudizio, in Italia ne abbiamo 3! se il primo giudice è politicizzato, allora magari il secondo non lo è e ti scagiona… se lo è anche il secondo, allora il terzo non lo sarà. almeno si spera (a meno di credere alla favoletta che la fantomatica “sinistra” sia così potente da gestire l’intera magistratura).

Se lo lasci dire Sor Castelli, il GRANDE TEMA è, faccia attenzione, ma il premier E’ O NON E’ UN CORRUTTORE GIUDIZIARIO? il premier E’ O NON E’ un pedofilo che approfitta di una ragazzina di 16 anni promettendole una carriera nello spettacolo o in politica (o in entrambe magari, visti i tempi).
La sua o è ignoranza o è cattiva fede… non so quale augurarle….

U.S.A. e getta

consiglio a tutti la visione di questo video, che descrive il ciclo produttivo nella mentalità consumistica ed il perchè urge cambiare le cose, principalmente per cambiare la qualità della nostra vita…

nota: oggi in radio ho sentito che Mr. Obama ha dichiarato di voler istituire nuove norme per ridurre le emissioni di gas serra come legge FEDERALE (Shwartznegger in California già lo faceva un anno fa), tramite messa al bando di veicoli particolarmente inquinanti e riduzione di produzione elettrica basata su carbone… tutto questo in favore delle rinnovabili…

BerluskGoebbels

Quoto il post:

http://idvsantarcangelo.wordpress.com/2009/05/15/gli-11-principi-di-joseph-goebbels/

che ripropongo qui in calce… non vi ricorda qualcuno?

Gli 11 principi di Joseph Goebbels

Joseph Paul Goebbels (Rheydt, 29 ottobre 1897 – Berlino, 1º maggio 1945) fu uno dei più importanti gerarchi nazisti, Gauleiter di Berlino dal 1926 al 1945, Ministro della Propaganda nel Terzo Reich dal 1933 al 1945.

Riportiamo qui di seguito gli 11 principi della propaganda di Joseph Goebbels e vi invitiamo a confrontarli con la propaganda attuale che appare sui media di informazione.

1. Principio della semplificazione e del nemico unico.
E’ necessario adottare una sola idea, un unico simbolo. E, soprattutto, identificare l’avversario in un nemico, nell’unico responsabile di tutti i mali.

2. Principio del metodo del contagio.
Riunire diversi avversari in una sola categoria o in un solo individuo.

3. Principio della trasposizione.
Caricare sull’avversario i propri errori e difetti, rispondendo all’attacco con l’attacco. Se non puoi negare le cattive notizie, inventane di nuove per distrarre.

4. Principio dell’esagerazione e del travisamento.
Trasformare qualunque aneddoto, per piccolo che sia, in minaccia grave.

5. Principio della volgarizzazione.
Tutta la propaganda deve essere popolare, adattando il suo livello al meno intelligente degli individui ai quali va diretta. Quanto più è grande la massa da convincere, più piccolo deve essere lo sforzo mentale da realizzare. La capacità ricettiva delle masse è limitata e la loro comprensione media scarsa, così come la loro memoria.

6. Principio di orchestrazione.
La propaganda deve limitarsi a un piccolo numero di idee e ripeterle instancabilmente, presentarle sempre sotto diverse prospettive, ma convergendo sempre sullo stesso concetto. Senza dubbi o incertezze. Da qui proviene anche la frase: “Una menzogna ripetuta all’infinito diventa la verità”.

7. Principio del continuo rinnovamento.
Occorre emettere costantemente informazioni e argomenti nuovi (anche non strettamente pertinenti) a un tale ritmo che, quando l’avversario risponda, il pubblico sia già interessato ad altre cose. Le risposte dell’avversario non devono mai avere la possibilità di fermare il livello crescente delle accuse.

8. Principio della verosimiglianza.
Costruire argomenti fittizi a partire da fonti diverse, attraverso i cosiddetti palloni sonda, o attraverso informazioni frammentarie.

9. Principio del silenziamento.
Passare sotto silenzio le domande sulle quali non ci sono argomenti e dissimulare le notizie che favoriscono l’avversario.

10. Principio della trasfusione.
Come regola generale, la propaganda opera sempre a partire da un substrato precedente, si tratti di una mitologia nazionale o un complesso di odi e pregiudizi tradizionali.
Si tratta di diffondere argomenti che possano mettere le radici in atteggiamenti primitivi.

11. Principio dell’unanimità.

Portare la gente a credere che le opinioni espresse siano condivise da tutti, creando una falsa impressione di unanimità.